Sport individualeTennis

Australian Open, hot shot di Sinner, Medvedev scappa

PUB

Il greco si volta in favore di telecamera mentre Sinner sfodera numeri incredibili. Il n.2 al mondo non ha molta confidenza con il net…

Sono sempre meno i giorni che ci separano dalla finale del primo Slam della stagione e al Day 10 degli Australian Open si sono allineate le semifinali dei tabelloni di singolare. Non ce l’ha fatta il nostro Jannik Sinner a superare l’ostacolo Tstitsipas, protagonista di una prestazione sontuosa, immortalata persino dalla troupe di Netflix. Nell’esultanza finale il greco appassionato di videomaking ha prestato il suo profilo migliore alle telecamere, ancora prima di rivolgere lo sguardo verso il proprio angolo. A ognuno le sue priorità.

Hot shot Jannik

—  

Nonostante la sconfitta, la firma sul punto più bello di giornata l’ha messa l’altoatesino, che proprio di più non poteva fare per contrastare il gioco ultra-offensivo del numero 4 al mondo. Il vincente in allungo di diritto messo a segno all’inizio del terzo set ha conquistato il pubblico presente sulla Rod Laver Arena e anche quello a casa.

Ball boys all’opera

—  

Indispensabili, appassionati e sempre pronti ad intervenire in caso di necessità: sono i ball boys, che quest’oggi hanno rubato la scena ai giocatori per qualche istante nel tentativo di asciugare i campi durante le interruzioni per pioggia. Dimostrazione che il lavoro di squadra fa sempre la differenza.

Certi amori non finiscono

—  

Dopo aver provato la carriera di giocatrice di cricket Ashleigh Barty ha scelto il tennis nella sua vita ma ogni tanto alla numero 1 del ranking mondiale piace dare una rispolverata alle proprie skills dilettandosi con mazza, palla e guantone. Poco prima del suo quarto di finale con Jessica Pegula l’australiana è stata infatti pizzicata dalle telecamere del torneo mentre giocava con il suo team. Decisamente un modo divertente per riscaldarsi e allo stesso tempo distendere i nervi prima di calcare un grande palcoscenico come quello di casa.

Il fuggitivo

—  

Non è un mistero che la nuova generazione di campioni debba imparare a prendere maggiore confidenza con la rete e il punto giocato da Daniil Medvedev nel match che l’ha visto opposto al canadese Felix Auger-Aliassime ne è la prova concreta.

Il russo ha optato per l’approccio al net nel tentativo di togliere il tempo all’avversario ma nel panico del momento decide di scappare nuovamente a fondo campo. Il risultato è comico.

Guarda gli Australian Open su Discovery+. Attiva ora

PUB
PUB

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button